martedì 28 aprile 2015

Leonardo Da Vinci sul Grande Schermo al MIC

 

La Fondazione Cineteca Italiana presenta al MIC- Museo interattivo del cinema – “Leonardo Da Vinci (1452-1519)” un ciclo di nove appuntamenti cinematografici, dal 6 al 30 maggio, in occasione della mostra dedicata al grande maestro a Palazzo Reale. 

La retrospettiva sul grande Maestro, ritenuto il prototipo dell’uomo universale rinascimentale, in grado di padroneggiare magistralmente sia le arti che le scienze, apre con due preziosi documentari: “Il Cenacolo: le vicende e il restauro Pellicioli del capolavoro di Leonardo Da Vinci” di Luigi Rognoni, realizzato nel 1949, svela il restauro, in seguito ai gravi danni subiti per i bombardamenti della seconda guerra mondiale, di uno dei capolavori più noti di Leonardo, e “Leonardo Da Vinci”, biografia dell’artista realizzata dal grande Luciano Emmer nel 1952. 


Saranno proiettati anche tre documentari ideati per la televisione inglese: “Leonardo Da Vinci: il genio e il suo tempo” del 2006, ricostruzione in costume che svela la personalità e la vita di Leonardo; “Leonardo Da Vinci. L’arte e la scienza”, girato nel 2006, diviso in due parti: la prima si sofferma sulle qualità artistiche di Leonardo, la seconda sulle sue avveniristiche invenzioni geniali; “L’ultima cena di Leonardo”, filmato del 2008, analisi del dipinto sotto molteplici aspetti, dall’ispirazione alle influenze artistiche, dai possibili significati alle tecniche usate, dalla vita dell’autore al contesto storico. In programma anche la fiction realizzata dalla RAI nel 1971 “La vita di Leonardo Da Vinci”, diretta da Renato Castellani e interpretato da Philippe Leroy


Il film, diviso in tre parti, ripercorre con cura tutta la vita di Leonardo Da Vinci, dalla nascita sino alla morte in Francia. Visibili anche due brevi documentari di Camillo Pellegatta: “Leonardo il Maestro Da Vinci” racconta il periodo trascorso dal grande artista presso la corte di Ludovico il Moro; “Leonardo: inchiostro vivo” illustra i manoscritti leonardeschi, i progetti e i disegni di meccanica, anatomia, pittura, scultura e architettura, i progetti per rendere navigabile l’Adda tra Lecco e Milano, gli studi sul volo degli uccelli.

La retrospettiva termina con la proiezione del film di Luigi Giachino, del 1948, “L’ultima cena” nella versione restaurata dalla Fondazione Cineteca Italiana: su richiesta dei frati di Santa Maria delle Grazie, Leonardo Da Vinci deve decorare una parete del refettorio dipingendo l’ultima cena. 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: