lunedì 29 giugno 2015

Al Piccolo Teatro La Storia di Qu, l'Arlecchino Cinese

Il Piccolo Teatro Studio Melato porta in scena dal 30 giugno al 5 luglio lo spettacolo inedito di Dario Fo e Franca Rame “Storia di Qu”.

Basato su “Ah Q”, un racconto del famoso poeta e scrittore cinese Lu Xun, vissuto all’inizio del Novecento e riconosciuto padre della lingua cinese moderna detta semplificata, il testo narra le peripezie di Qu, “cugino” dei nostri zanni e di Arlecchino, un buffone emarginato che vive di espedienti ma che è capace di agire contro il potere costituito, con la forza di ribellione che rimanda al fool shakesperiano.

Qu non è un cialtrone e tantomeno un’ipocrita, è piuttosto un candido che dimostra in tutte le sue azioni di avere moralità e lealtà straordinarie. E’ una vicenda tragica, vissuta e raccontata sotto forma di farsa ma intrisa di un umorismo amaro.

Il testo affronta temi importanti come il valore della cultura, mezzo per emanciparsi e per realizzare la democrazia, e la necessità di coltivare un pensiero utopico, irrinunciabile per un’umanità che vuole scardinare le ingiustizie di oggi per ridisegnare il proprio futuro.

Lo spettacolo vede coinvolti non solo gli attori, ma un ricco gruppo di artisti, acrobati, musicisti e danzatori che danno vita ad una pièce tragicomica in cui gli ingredienti del teatro popolare della tradizione occidentale si mescolano agli echi di una Cina fantastica.

“Storia di Qu” è un progetto teatrale che coinvolge la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, la Scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Brera, l’Accademia dell’Arte di Arezzo, la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Civici corsi di Jazz, la Civica Scuola di Cinema e il Laboratorio di Circo Quattrox4.

La regia è di Massimo Navone, che dal 2011 ha dato inizio al progetto triennale “Il teatro di Dario Fo e Franca Rame per le Nuove Generazioni”. 

Protagonista sul palco, nel ruolo di Qu, Michele Bottini.

Lo spettacolo è sovratitolato in inglese.

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: