mercoledì 24 giugno 2015

Arborea Carmina. Expo attraverso la Danza al Teatro Carcano

Dal 9 al 12 luglio in uno scenario quasi onirico il Teatro Carcano ospita “Arborea Carmina”, un evento-spettacolo legato ai temi di Expo, nutrizione, energia, tutela ambientale, svolgendone i contenuti attraverso la forma espressiva della danza.
Brani emozionali e selezionati di poesia e prosa accompagneranno la narrazione coreografica.

Ogni serata sarà introdotta da una conferenza stampa con la presenza di alcune fra le più importanti associazioni nazionali che si occupano di Nutrizione, Ambiente ed Energia come Green Cross Italia e A.B.A. Giuseppe Petrix, studioso e scrittore, svelerà aspetti inesplorati di Leonardo Da Vinci, mentre il giornalista Michele Governatori, spiegherà le potenzialità delle energie rinnovabili ed ecosostenibili.

La danza classica apre la prima serata in un allegro excursus storico sulla nutrizione dall’epoca romana all’età moderna, collegandosi alle scoperte di Leonardo da Vinci.
La conferenza che verrà tenuta in apertura della serata da Giuseppe Petrix, intitolata “Dentro lo sguardo. L’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci”, presenta un’analisi particolare dell’opera, basata su un metodo ottico che sdoppia la visione binoculare, dimostrando la correlazione tra un disegno meno noto del genio fiorentino e l’immagine secondaria del Cristo dell’Ultima Cena.

Le serate del 10, 11 e 12 luglio vedranno sul palco coreografie ispirate alla grande madre della danza contemporanea Martha Graham e dedicate alle associazioni A.B.A. e Green Cross Italia.
La conferenza del 10 luglio, “Energia ecosostenibile: utopia o realtà”, sarà tenuta dal giornalista Michele Governatori che mostrerà i vantaggi e la sostenibilità delle nuove energie.

L’11 luglio con la conferenza “Nutrire il corpo, nutrire l’anima, nutrire la vita” A.B.A. affronterà il tema dei disturbi alimentari come modo di comunicare sofferenze profonde e come affrontarle e guarire.

L’ultima serata sarà preceduta dalla conferenza organizzata da Green Cross Italia, dal titolo “Seminiamo il futuro”, sulla sovranità alimentare, diritto di tutti i popoli, e garanzia per un futuro più equo.

L’impianto scenico è stato costruito con l’originale tecnica di scenovideografia, trasformando il foyer e il palco in ambienti onirici, ricchi di suggestioni.

Il cast coreutico e tecnico è formato dai giovani del progetto LAB – ONSTAGE. ART –Giovani per il teatro di domani.
Lo spettacolo è diretto da Aldo Masella. Oriella Dorella, la grande étoile, sarà la madrina di questo originale spettacolo – evento.

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: