giovedì 4 giugno 2015

Fela Kuti. Il Potere della Musica al Circolo Magnolia

In anteprima nazionale l’8 giugno al Circolo Magnolia verrà proiettato il film di Alex Gibney “Fela Kuti. Il potere della musica”.

Il film racconta la vita di Fela Kuti, le sue lotte politiche, il suo importante ruolo nella musica, il suo impegno per i diritti civili.

Nato in Nigeria e mandato dai genitori in Inghilterra per diventare dottore, Fela Kuti decide di studiare composizione e tromba conoscendo la musica di Miles Davis e Frank Sinatra. 

Qui forma il suo primo gruppo con il nome di “Koola Lobitos”. Fondendo gli elementi di musica tradizionale yoruba, jazz e funk Fela Kuti dà vita ad un nuovo genere musicale, l’afrobeat.
Nel 1969 viaggia in America e, tramite Sandra Isidore, conosce i testi di Malcolm X e Eldridge Cleaver.

Rientrato in Nigeria Fela Kuti decide di usare la sua musica come strumento di protesta dando voce ai diseredati. Apre con il suo gruppo la “Repubblica Kalakuta” uno studio di registrazione che desta le ire dei militari nigeriani. In quegli anni diventano molto famosi non solo in Africa ma anche nel resto del mondo.

Nel 1977 Fela e il suo gruppo vengono arrestati e lo studio messo a ferro e fuoco. Liberato è costretto ad emigrare in Ghana riuscendo a rientrare in Nigeria solo l’anno successivo quando fonda il suo partito politico.

Fela è stato arrestato più di duecento volte, accusato di ogni tipo di crimine. Ciò nonostante ha continuato a vivere in Nigeria fino alla sua morte nel 1997, dovuta a delle complicazioni per l’HIV; al suo funerale partecipò più di un milione di persone.

Il film, che dall’11 giugno sarà presente anche in altre sale cinematografiche, apre la rassegna organizzata dal Circolo Magnolia “Lo strano caso del cinema al Magnolia” in cui verranno proiettati, fino a settembre, alcuni dei migliori documentari internazionali per il cinema distribuiti da Wanted, tra cui “Banksy does New York”, “Nas time is illmatic” e “The Wolfpack”, premiato dalla giuria del Sundance 2015.

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: