mercoledì 5 agosto 2015

Dante Raddoppia al Castello Sforzesco

In occasione dei del 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri il Castello Sforzesco ospita due mostre sul sommo poeta. 

Fino al 18 ottobre nelle sale della Bibilioteca Trivulziana viene mostrato al pubblico il ricchissimo fondo dantesco raccolto nell’Ottocento da Gian Giacomo Trivulzio e dalla sua famiglia. 

Una collezione veramente notevole che contempla antichi esemplari manoscritti e a stampa, tra cui un manoscritto della "Divina Commedia" risalente al 1337 e, tra gli oltre 2000 incunaboli, tutte le edizioni quattrocentesche dell’opera dantesca. 

Nella Sala dei Pilastri del Castello Sforzesco, fino all’11 ottobre, è allestita la mostra “Dante 750 – Dante e le arti. Installazione multimediale e mostra” organizzata dall’Università degli Studi di Milano. 

L’installazione mostra come la vitalità e il linguaggio universale della “Divina Commedia” abbiano influenzato il cinema e le arti figurative. 

L’esposizione, divisa in tre sezioni, prevede la postazione “Dante e il cinema”, in cui vengono mostrati il lungo elenco di film che hanno tratto ispirazione dal poema e dai suoi personaggi. 

In fondo alla navata un video racconta come registi, di tempi e provenienze diverse, siano rimasti affascinati e suggestionati dalla “Commedia”. 

La seconda sezione è intitolata “Cibo e Convivio nell’età di Dante” con postazioni video su momenti significativi e riproduzioni in creta dei cibi medievali più diffusi, realizzate dagli studenti dell'ITCS “Erasmo da Rotterdam” di Bollate

Dante e l’arte”, ultima sezione della mostra, vede la riproduzione del volto di Dante, realizzata da Nadia Scardeoni, tratto dall’unico ritratto dal vivo del Poeta, insieme a 46 tavole originali del pittore Alberto Schiavi realizzati per l’edizione in dialetto milanese della “Divina Commedia” di Ambrogio Maria Antonini, pubblicata in 500 esemplari nel 2004. 

Entrambi gli eventi sono gratuiti. 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: