venerdì 25 settembre 2015

Il Bazar dei Popoli alla Fabbrica del Vapore

Dal 27 settembre al 4 ottobre la Fabbrica del Vapore ospita il Suq dei Popoli, un alternarsi di percorsi creativi, workshop artistici all’insegna del dialogo tra culture differenti e generazioni diverse. 

Tanti gli ospiti e gli ambasciatori del Dialogo che animeranno il Suq delle Culture: la serata inaugurale sarà aperta da Moni Ovadia con un reading collettivo di brani, poesie, canzoni per dire no al razzismo e ad ogni tipo di discriminazioni con tanti ospiti: Nené Ribeiro, Renato Sarti, Alfie Nze, Rufin Doh, Livia Grossi

Tra gli altri eventi in programma si segnala il concerto di Baba Sissoko, maestro indiscusso del Tamani, accompagnato da Balla Nar Ndiaye, ElyDia, Khadim Mbengue e Simone Campa, in un mix perfetto di sonorità maliane con il jazz e il blues. 

L’Orchestra di Via Padova presenterà il progetto Allayali, un mix di suoni provenienti dal mondo arabo, con la voce di Aziz Riahi, il violino di Andon Manushi, la tromba di Marco Marcer, il basso di Marco Roverato, la chitarra di Massimo Latronico, la batteria di Andrea Migliarini e il violoncello di Walter Parisi

Manuel Ferreira della Compagnia Alma Rosé insieme a Elena Lolli presenta una performance teatrale che è una dichiarazione d’amore, a volte impossibile, per Milano. Un rapporto difficile, in cui si domanda dove ancora pulsa il cuore della città. 

Serata dai ritmi mediorientali sapientemente miscelati con anatolian & oriental dub, fusion balcanica e berlin elektro – minimal nel dj set di Ipek, famosa dj turca – tedesca, definita una “visionaria politica e musicale”, con il suo messaggio di condivisione. 

Il concerto dei Tazenda, primo gruppo italiano di rock etnico, uno stile che spazia tra il pop, il rock, e la musica etnica con le forti influenze delle sonorità della tradizione sarda e l’utilizzo di strumenti tipicamente sardi come le launeddas e gli organetti. 

Lo spettacolo teatrale della Compagnia del Suq e MascherenereGli stranieri portano fortuna” dalla tradizione dei griot, con musiche e canzoni di tanti paesi. 

Chiude gli eventi serali Lella Costa insieme a Don Colmegna con una serata dedicata al “prete di strada” Don Gallo

Durante le giornate di questo variegato e multietnico evento si svolgeranno diverse attività laboratoriali dedicate alla cultura del cibo, alla sostenibilità ambientale, incontri sulla politica internazionale, tra cui, molto importante, l’evento Smart Voices promosso dal settore Relazioni Internazionali del Comune di Milano

La Fabbrica del dialogo con il Suq delle culture ha come obiettivo la promozione dell’attivismo culturale contro i pregiudizi e intende stimolare all’educazione, al rispetto e all’apertura verso il mondo. 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: