mercoledì 23 settembre 2015

Il Giovane Strehler. Da Novara al Piccolo Teatro di Milano si Racconta al Teatro Libero

Il teatro Libero ospita il 24 settembre alle , in occasione dello spettacolo Non Chiamatemi Maestro, di e con Corrado d'Elia, la presentazione del libro Il giovane Strehler. Da Novara al Piccolo Teatro di Milano (ed. Lampi di stampa, 2013) di Clarissa Egle Mambrini.

Il momento perfetto per fare un tuffo nel passato, nelle memorie e nelle esperienze giovanili del grande regista, anni precedenti alla fondazione del Piccolo e anni che hanno costituito la sua formazione.

Il volume vanta la collaborazione di Stella Casiraghi, che a lungo ha collaborato con il Piccolo, ed è impreziosito da un nutrito apparato iconografico e da interviste a personaggi della cultura locale e nazionale come lo storico e critico d’arte Raul Capra, il musicista Folco Perrino e l’attore Gianrico Tedeschi

Sul palco, insieme all'autrice, Clarissa Egle Mambrini, e  a Corrado d’Elia intervengono Giancarlo Dettori e Maria Grazia Gregori.

“Il nome di Giorgio Strehler, considerato uno dei massimi registi del Novecento, è abitualmente associato al Piccolo Teatro, fondato nel 1947, e alla città di Milano. Il suo esordio alla regia, però, avvenne prima, durante la Seconda Guerra Mondiale, con due spettacoli rappresentati a Novara in un teatrino ormai abbandonato. Ne Il giovane Strehler. Da Novara al Piccolo Teatro di Milano riscoprire quegli eventi ormai lontani, indagarne le origini e le conseguenze e analizzarne il contesto diventa l’occasione per approfondire un periodo umano e professionale poco conosciuto dell’artista triestino – allora attivo anche come attore e teorico teatrale – nonché la vita culturale di Novara e di Milano e la realtà teatrale italiana della prima metà del Novecento, fra tradizioni dure a morire e novità che faticavano a radicarsi. "


@Antonietta Usardi

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: