giovedì 8 ottobre 2015

I Racconti Hardcore dei Vinyl

I Vinyl hanno finalmente stampato il loro primo EP: “Tales from Hardcore City”, spaccati di vita che raccontano di amici, bevute e speranze sullo sfondo della grigia periferia milanese. 

Un sound che sfugge alle banali etichette, nato dalle diverse esperienze musicali dei componenti dei Vinyl e che mescola alla perfezione Hard Rock, Streetpunk, Rock Psichedelico e Punk, con una vera attitudine hardcore. 

Cinque i brani che compongono il disco, prodotto dalla neonata etichetta “Ghe n’è minga Records” in collaborazione con “2 Life Sentences”, etichetta punk gestita da Ricu e Andrea dei “Brutti e Ignoranti”. 

I brani sono stati selezionati con un voto popolare tra gli amici e i fans dei Vinyl. Si inizia con un brano fortemente HC, “Brain Blowjob”, in puro stile Bad Brains, che in fondo è una “love song”. 

Il secondo brano è un potente pezzo hardrock dal titolo “Bingo Riot”, un racconto ispirato dalle ambientazioni urbane/futuristiche di Ballard e alle tristi atmosfere nelle realtà delle sale di bingo. 

Segue un pezzo scritto e dedicato agli amici che non perdono un concerto dei Vinyl, la South West Boys Crew, intitolato, non a caso, “South West Boys”, un mix di hardcore anni ’80 e streetpunk.

“Beer connection”, uno dei brani più richiesti, è un pezzo punk oi melodico che parla di birre e amici. Ultimo brano del disco è una vera bomba hardcore con richiami motorheadiani, 

“George Best”, dedicato al celebre calciatore degli anni ’60-’70. Unico brano dell’EP ad essere cantato in italiano. 

Nati nel 2013, i Vinyl sono formati da quattro membri: Alberto, cantante HC di periferia, Giorginho, potente chitarrista hardrock , Nelson, bassista rubato al mondo della musica classica e alla sua viola da gamba e Vito, batterista jazz con la migliore attitudine hardcore. 

Per ordinare il disco, chiedere informazioni, contattare il gruppo per concerti, basta scrivere a vinylband2013@gmail.com 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: