mercoledì 21 ottobre 2015

Il Cuore di Antonia Pozzi allo Spazio Oberdan

Per omaggiare una delle più alte voci della letteratura italiana del Novecento, Antonia Pozzi, lo Spazio Oberdan organizza dal 23 ottobre fino al 6 gennaio una mostra fotografica e una rassegna cinematografica dal titolo “Sopra il nudo cuore. Fotografie e film di Antonia Pozzi”. 

La mostra presenta circa 300 fotografie realizzate dalla poetessa a Pasturo ai piedi della Grigna, nei suoi viaggi e sulle Dolomiti. 

Suggestivi gli scorci di Milano immortalati dalla Pozzi, nei circoli culturali ma anche nelle periferie e nelle zone più povere, tra bambini, mercati e botteghe. 

Antonia Pozzi usa la fotografia per cercare il sentimento nascosto nelle cose e nelle persone, per dargli quell’eternità che la realtà proibisce. 

Le sue fotografie sono vere e proprie immagini poetiche che svelano l’interesse della poetessa per la relazione tra parola scritta e immagini. 

La mostra comprende anche sei film, realizzati in formato super8, girati dalla stessa Antonia Pozzi

La rassegna cinematografica presenta sessanta titoli, tra documentari, corti e lungometraggi e si divide in tre linee guida: la prima ha come oggetto la fotografia e il percorso seguito da grandi fotografi italiani e stranieri per dare voce alla loro arte; la seconda fa riferimento alla poesia con documentari e lungometraggi su grandi poeti, contemporanei e del passato; l’ultima linea vuole costituire una riflessione sugli anni Trenta in Italia, il complesso periodo in cui si sviluppò l’attività artistica di Antonia Pozzi

Si segnalano, fra i tanti titoli, il film “Poesia che mi guardi” (2009) di Marina Spada che racconta la vita di Antonia Pozzi attraverso la lettura di alcuni suoi testi, la ripresa di fotografie della poetessa e la riproduzione con gli home-movies di scene della sua vita. 

La ragazza Carla” (2015) di Alberto Saibene nato dall’omonimo poema di Elio Pagliarani, considerato uno dei capolavori della letteratura italiana del XX secolo. Film realizzato dalla milanese Mir Cinematografica e per la cui realizzazione la Cineteca Italiana ha fornito materiali d’archivio.

Infine, in anteprima, viene proiettato il documentario di Marco CrucianiCalma e gesso. In viaggio con Mario Dondero” (2015) che narra l’avventurosa storia del grande fotografo. 

Il programma include alcuni eventi speciali: il recital “L’infinita speranza di un ritorno. Vita e poesie di Antonia Pozzi” con Elisabetta Vergani e Filippo Fanò; il concerto “Le parole e le musiche dell’educazione sentimentale italiana nel Ventennio” con Fulvia Maldini, Giorgio Penotti e Rudi Bargioni e il concerto “Per Antonia”, improvvisazioni jazz al pianoforte di Antonio Zambrini sui filmati realizzati dalla poetessa.

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: