venerdì 9 ottobre 2015

Il Rumore di Acque Parla di Migranti al Teatro della Contraddizione

Due sole serate, il 10 e l’11 ottobre, al Teatro della Contraddizione per la messa in scena di “Rumore di acque” di Marco Martinelli

Un generale lasciato solo a governare su un’isola sperduta nel Mediterraneo, attorniato dagli spiriti dei migranti che in quel mare si sono persi insieme alle loro speranze e ai loro sogni. 

Suo malgrado il generale diviene quasi un “medium” attraversato dalle voci e dai racconti del popolo degli annegati. 

Uomini e donne che non lo lasciano in pace, lo tormentano e gridano la loro disperazione e paura di essere dimenticati e diventare solo freddi numeri di statistiche. 

Obiettivo del regista è quello di sensibilizzare lo spettatore, di far riflettere sulle contraddizioni e sui drammi che lacerano l’umanità, affinché si presenti all’altezza di fronte a questo importante momento storico. 

Il generale burocrate e quasi demoniaco, infastidito dal monotono lavoro di trascrivere cifre, di tenere elenchi numerati delle vittime, inacidito e sarcastico è la nostra trasfigurazione teatrale. 

C’è la necessità quindi di risvegliare le coscienze, di aprire gli occhi e di smettere di essere spettatori impotenti. 

Sul palco Alessandro Renda viene accompagnato dalle musiche di Guy Klucevsek

E’ una produzione del Teatro delle Albe – Ravenna Teatro, con il patrocinio di Amnesty International

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: