giovedì 21 gennaio 2016

Omaggio a Kieślowski e al Cinema Polacco allo Spazio Oberdan

Dal 26 gennaio al 7 febbraio lo Spazio Oberdan presenta la rassegna cinematografica “Nuovo cinema polacco. Omaggio a Krzysztof Kieślowski”.

In programma 21 film, tra cui quattro lungometraggi mai proiettati prima in Italia.

Forse poco conosciuta, la cinematografia polacca è una realtà molto viva e vitale, di grande qualità, capace di analizzare e scavare nelle profondità dell’esistenza umana, mostrando accuratamente la sofferenza, le incertezze, gli smarrimenti e il coraggio di personaggi che, pur muovendosi in scenari lontani, sono in realtà incredibilmente vicini.

Nel rendere omaggio a Kieślowski, vengono ripresentati tutti i suoi lungometraggi, il Decalogo e uno straordinario documentario realizzato nel 1996, pochi mesi prima della morte del regista.

La rassegna inizia con la proiezione in anteprima del film “Móej Rower” (La mia bici) del regista Piotr Trzaskalski, in cui si narrano le vicende di una famiglia, in cui il padre, settantenne scopre la richiesta di divorzio da parte della moglie, il figlio, celebre pianista, e il nipote adolescente tornano dall’estero e cercando, tra le difficoltà dei legami e degli affetti, di ricostruire un rapporto logorato dalla distanza e dal tempo.

Inedito in Italia anche il film “W ukryciu” (Nascosto) di Jan Kidawa – Blonski, ambientato nella primavera polacca del 1944, durante l’oppressione nazista. Il padre di Janka, giovane violinista, decide di prestare rifugio a Ester, giovane ballerina ebrea figlia di amici. Janca inizialmente è contraria, ma dopo l’arresto del padre, tra le due giovani donne si crea un forte legame, sempre più intimo, fino a diventare un’ossessione per Janca che, a fine guerra, non svelerà all’amica la realtà per continuare a tenerla solo per sé.

La terza anteprima in programma è il film “Varsavia 44” del regista Jan Komasa, ritenuto una delle promesse più brillanti della nuova cinematografia polacca. Il film è una storia d’amore e d’amicizia nel drammatico scenario della rivolta di Varsavia nel 1944 contro i nazisti.

Dziewczyna z szafy” (La ragazza nell’armadio) di Bodo Kox è l’ultimo inedito per l’Italia. Racconta l’insolita amicizia tra tre personaggi solitari: Jacek, incorreggibile corteggiatore – internauta, suo fratello Tomek, talentuosissimo ma chiuso in se stesso, e la loro vicina di casa, Magda, antropologa piena di diffidenze.

Le anteprime verranno proiettate in lingua originale con sottotitoli italiani.

La rassegna è organizzata in collaborazione con il Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Italia.


@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: