lunedì 21 marzo 2016

Quello che le Donne non Dicono in Scena al Teatro Libero

Due donne in palcoscenico, Monica Faggiani e Debora Mancini, ci raccontano di un incontro, di una donna che va incontro a sé stessa e alle cui due anime danno voce.

Quello che le donne non dicono, in scena al Libero di Milano, fino al 26 marzo, dopo essere stato rappresentato a Santiago del Cile presso il Teatro della Universidad de Chile e la Casa Rodante ed essere arrivato finalista al concorso di drammaturgia “Per Voce Sola” 2014 presso il Teatro della Tosse di Genova, è un monologo di Fabio Banfo che rilegge Shakespeare, in particolare Lady Machbeth e Ofelia, in una chiave nuova.

Due donne in scena, due anime, che danno vita ad un solo corpo e ad una sola voce.

Una donna in una soffitta si confida con la sua migliore amica.
È appena tornata a casa dopo tanti anni.
Sembra felice.
Ripassa i suoi ricordi ad uno ad uno,
canta, suona il pianoforte.
Cerca la verità dentro se stessa.
Di verità ce n'è una sola.
Ma per lei il mondo è un doppio
dal quale non si scappa.


NOTE di Fabio Banfo
Ho scritto un monologo partendo da un dialogo. Immaginando l'impossibile incontro tra due personaggi femminili dell'universo shakespeariano: Lady Macbeth e Ofelia. La donna forte e algida contro la donna ingenua e fragile. Mi interessava parlare attraverso di loro della relazione delle donne con gli uomini, prendendo due punti di vista estremi, la donna vittima e la manipolatrice, la dominante e la soccombente. Sullo sfondo il dolore dei legami di sangue, la follia, il suicidio.

@Antonietta Usardi

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: