giovedì 26 maggio 2016

Acciaio Liquido al Teatro Out Off

Fino al 29 maggio il Teatro Out Off apre il sipario sullo spettacolo scritto da Marco Di Stefano e diretto da Lara Franceschetti dal titolo “Acciaio Liquido”. 

La trama nasce da un fatto realmente accaduto: nel 2007 a Torino si scatena un violento incendio in un’acciaieria in cui perdono la vita sette operai; una tragedia che scuote nel profondo l’Italia. 

Una disgrazia figlia di una logica imprenditoriale che rincorre senza freni il profitto, di una burocrazia ottusa e inutile e di leggi sulla sicurezza spesso volutamente ignorate. 

A processo finiscono sei dirigenti che vengono condannati al massimo della pena; il gruppo siderurgico, nel tentativo di evitare che i parenti delle vittime si costituiscano parte civile e cercando di avere uno sconto di pena, offrono una cifra esorbitante, mai sentita in un processo penale del lavoro, per risarcire le famiglie; ma il tentativo fallisce miseramente. 

La rappresentazione teatrale è suddivisa in 5 blocchi e mostra le due facce di ogni soggetto preso in esame, quello ufficiale e quello umano, intervallando la recitazione con alcuni frammenti della sentenza. 

Operai, dirigenti, familiari, giustizia, tutti sono raggruppati su una grande giostra il cui moto continuo svela i diversi volti, lo “Yin-Jang” di ognuno, sottolineando come la verità non sia qualcosa di univoco ma di inafferrabile. 

Lo spettacolo mostra, attraverso la messinscena, i diversi gradi del processo: la sentenza di primo, secondo grado e cassazione; le incoerenze di un organo che si dimostra profondamente immobile e rigido in schemi prefissati che non permette alla giustizia di essere giusta in quanto, per decifrare una materia tanto ampia e delicata come l’insicurezza e la paura degli uomini, l’unico parametro che andrebbe preso in considerazione è quello umano. 

La verità si fa dubbio, le risposte svaniscono, rimangono le vite spezzate di quattordici uomini, sette morti e sette vivi, e l’immagine triste dell’uomo contemporaneo, fragile, impaurito, che vive immobilizzato dalla Paura. 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: