lunedì 9 maggio 2016

Le Foto Più Belle del Mondo alla Galleria Sozzani

La Galleria Carla Sozzani, corso Como 10, ospita la 59ª edizione del World Press Photo, uno dei più importanti riconoscimenti nel mondo del Fotogiornalismo mondiale. 

Otto le categorie del concorso con 41 fotografi premiati (spot news, notizie generali, attualità, vita quotidiana, ritratti, natura, sport e progetti a lungo termine), tra cui due italiani: Francesco Zizola per la categoria “Attualità”, vincitore del secondo premio, e Dario Mitidieri, per “Ritratti”, vincitore del terzo premio. 

Foto dell’anno è l’immagine del fotograto australiano Warren Richardson che ha raccontato la crisi dei rifugiati lavorando al confine tra Serbia e Ungheria; la fotografia, scattata la notte del 28 agosto 2015, ritrae un uomo che aiuta a far passare un bambino attraverso il filo spinato a Röszke, al confine serbo-ungherese. 

Una foto che nella sua semplicità racchiude un enorme potere e una moltitudine di emozioni e d’impatto dà subito la misura della situazione dei rifugiati; una foto che si può definire senza tempo.

Richardson ricorda il momento in cui ha scattato la foto, mentre era accampato con i rifugiati da cinque giorni, lungo la linea di recinzione, quando una sera arrivarono circa 200 persone e, silenziosamente, iniziarono a scavalcare il filo spinato, prima le donne e i bambini, poi i padri e gli uomini anziani. 

Compartecipe del loro dramma, il fotografo australiano non ha usato il flash per evitare che la polizia scoprisse la loro posizione e ha usato solo il chiaro di luna; a rendere la foto ancora più suggestiva è proprio la luce fioca, che porta l’osservatore nella situazione di dover distinguere i vari elementi della foto come se fosse a sua volta immerso in quella notte di speranza e paura. 

Tra le altre foto esposte quelle dello sloveno Matjaz Krivic che denuncia le condizioni dei lavoratori delle miniere nel Burkina Faso, l’americano Tim Laman che mostra la triste situazione degli oranghi in Sumatra. 

Ingresso gratuito. 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: