mercoledì 1 giugno 2016

Trent’anni di Foto con Flavio Tecchio allo Spazio Raw

Dal 1° al 17 giugno Spazio Raw festeggia con una mostra i trent’anni di attività del fotografo Flavio Tecchio

Un’esposizione antologica che raccoglie oltre 40 stampe, quasi tutte realizzate dal fotografo stesso in camera oscura. 

Esordio a colori a metà degli anni ’80 in cui subito Tecchio mostra un’attenzione particolare per i dettagli e per le composizioni con pochi elementi. 

Poco tempo dopo passa al bianco e nero fissando la sua cifra stilistica fino a oggi. 

La sua unica macchina, una Nikon FM2, immortala passanti, frequentatori di bar, scorci di natura e paesaggi urbani, unendo tecnica e stile in un linguaggio che esprime tranquillità, riflessioni, paure e, soprattutto, solitudini, con i suoi personaggi racchiusi in loro stessi. 

Ma Tecchio non è rimasto fermo in un luogo, ha girato l’intero globo: Stati Uniti, Europa, Turchia, Sud America, incontrando la varietà umana, percorrendo chilometri e raccontando le storie che si trova a vivere e vedere in prima persona, non ultimo un attentato. 

Ovunque si posi lo sguardo del fotografo, il risultato è una sensazione di familiarità con i luoghi e le persone impresse sul negativo. 

Tecchio cattura nel suo obiettivo attimi di vita appartenenti a culture e tradizioni diverse, sempre concentrandosi sulla componente umana: sono immagini semplici e raffinatissime allo stesso tempo, che esprimono in maniera mai scontata un profondo senso di intimità. 

L’ultima serie realizzata da Tecchio ha come oggetto della sua ricerca la casa: “Exit”, composta da 10 immagini in bianco e nero, è dedicata ai suoi genitori; le loro mani, spesso in primo piano, sono il simbolo del legame con i ricordi, il mezzo per ricostruire un ponte che valichi il senso di vuoto e di abbandono che il fotografo ha provato con la morte del padre e con la malattia della madre. 

Una mostra che è un viaggio emotivo e intimo. 

Ingresso libero 

@Stefania Cappelletti

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: