lunedì 24 ottobre 2016

Geometrie e Lirismi alla Fondazione Pasquinelli

Con la mostra d’autunno dedicata all’astrattismo europeo ritorna il consueto appuntamento con L’arte in una stanza, il ciclo di esposizioni d’arte ideato e organizzato dalla Fondazione Pasquinelli di Corso Magenta.i.

Geometrie e Lirismi intorno al 1930, a cura di Antonello Negri, dal 21 ottobre al 3 dicembre raccoglierà in una stanza quattro nomi fondamentali del panorama artistico del Novecento. Un’occasione preziosa di vedere sotto lo stesso tetto Kandinsky, Klee, Mirò e Prampolini, maestri della pittura che hanno condiviso l’esperienza dell’astrattismo, anche di persona come Kandinsky e Klee, che abitarono sotto lo stesso tetto durante la loro docenza al Bauhaus.

Prampolini fu la figura di riferimento per i rapporti tra l’astrattismo internazionale presentato a Parigi nel 1925 e l’ambiente artistico italiano, in quegli anni rappresentato dalla milanese Galleria il Milione. Tra il 1929, quando aprì, e il 1937, la Galleria ebbe un ruolo fondamentale nella promozione della giovane arte sia attraverso esposizioni all’avanguardia, che con pubblicazioni periodiche di grande qualità; i bollettini esposti in mostra sono la testimonianza di una disponibilità non comune negli anni ‘30 verso le giovani avanguardie europee.

La mostra viene accompagnata da tre incontri, sempre alle 18.30, tenuti da Antonello Negri - mercoledì 2 novembre - Silvia Bignami – mercoledì 16 novembre – e Andrea Kerbaker – mercoledì 30 novembre – che mettono a fuoco aspetti particolari della stagione storica dell’astrattismo.

Per tutta la durata della mostra, la sezione didattica propone ai bambini dai 6 ai 10 anni delle scuole primarie, dal lunedì al venerdì mattina: Ci sono un russo, uno svizzero, uno spagnolo e un italiano

@Redazione

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: